top of page

c'era una volta il blu. di Giorgia Grendena


Dipinto di Giorgia Grendena



Il mio primo blu... dopo tanti anni mi è ricapitato di guardarlo ed è stato un viaggio a ritroso nel tempo.

Da quel giorno quante cose sono accadute, quante esperienze vissute, quanti volti incontrati, quanti sguardi incrociati...

La vita ci scorre davanti e ad un certo punto ci porta incontro delle vie da percorrere, delle scelte da fare e se il nostro cuore è pronto e si riesce a coglierle ciò rappresenta un grande dono che facciamo a noi stessi. Sei anni fa il mio cuore era pronto ad accogliere quel blu, ad andare in profondità nello splendore dell'anima. Iscriversi alla scuola di arteterapia del colore è stata una grande sfida... O una chiamata del destino? Sicuramente lo era, anche se inizialmente io non ne avevo consapevolezza.

Strada facendo le immagini, il colore, hanno preso vita fuori e dentro di me sempre più intensamente. Frequentare una scuola di formazione come questa è stato un cammino iniziatico e di grande conoscenza. Un mettersi continuamente alla prova di fronte a me stessa e agli altri, riscoprire il senso altrui, l'aiuto reciproco, la condivisione, lo scontro.

Testare continuamente i propri limiti nelle simpatie e nelle antipatie, trasformare, tornare indietro e andare avanti, poi tornare ancora indietro.. Per poi fare il grande salto . Ed ecco che la chiamata di destino, quella fermata lungo la via in cui dovevo scendere (o salire?) è diventata chiara e splendente dinanzi a me. Il seme che inizialmente era ben nascosto dentro la terra ha iniziato a germogliare, a mettere radici, diventando un arbusto che non si è mai spezzato alle intemperie.

Raggiungere il traguardo finale, discutere la mia tesi, il cuore pieno di orgoglio e commozione difronte a tutti coloro che mi hanno accompagnata e sostenuta in questi anni, credendo in me. Sicura si! Ma con le lacrime agli occhi quasi incredula di essere giunta al termine del mio percorso. Ora inizio questa nuova professione, dedita agli altri attraverso il colore, e continuo a fare ricerca, perché nulla si ferma dopo la scuola, anzi, è una curiosità di sapere, uno stimolo a porsi domande.


Quell’arbusto è diventato un forte albero, ancora in crescita, ma il suo tronco è diritto, le radici profonde, i rami aperti al mondo. E i frutti! Un grande dono pieno di calore. Mi guardo indietro, le mie pitture, i disegni, le tesine! Sorrido. Ero una donna che ha varcato la porta della scuola il primo giorno con lo sguardo smarrito e con il timore di non essere all'altezza, ora sono un’arteterapeuta che crede nelle proprie risorse e ha fiducia in sé stessa. Come mi sento dopo tutto ciò?

Mi sento felice, coraggiosa e con una volontà che viene dal cuore, con i piedi saldi a terra e lo sguardo lontano... lassù ...verso il BLU!

Dipinto di Giorgia Grendena

Dipinto di Giorgia Grendena


Dipinto di Giorgia Grendena

Giorgia Grendena Scuola di Arteterapia del colore Stella Maris 2017 / 2022

Kommentare


bottom of page