top of page

Arteterapia del Colore Secondo il Metodo Stella Maris

Foto del logo di Stella Maris Colore
  • Instagram
  • Facebook

L’Arteterapia del colore ad indirizzo antroposofico trova forza in un approccio non-verbale che promuove la salutogenesi, favorisce il riequilibrio e una condizione di pienezza psico-fisica. Si fonda sull'osservazione della persona, del suo processo creativo e dell’elaborato artistico.

Il fare pittorico diviene un’esperienza in cui emerge la condizione animico-emozionale e organico-vitale. Nell’atto del dipingere l'Arteterapeuta riconosce tutti i processi che avvengono nella costituzione umana come quelli del colore. Ogni squilibrio o sofferenza viene considerata come corruzione o deviazione dal colore puro che si cela dietro al corrispondente processo vitale.

Fin dall'antichità, guarire voleva dire ricreare l'unità perduta riavvicinandosi all'immagine archetipica delle forze creatrici di origine spirituale, da cui ricevere nuovi impulsi rigeneranti e di vita. L'Arteterapia del colore antroposofica mira ad attivare questi stessi impulsi vivificanti perché non solo le risorse fisico-vitali, ma anche le forze del cuore siano coinvolte nello sforzo di risanamento.

Nell’individuale e personalissima tavolozza di combinazioni cromatico-biografiche presenti in ognuno di noi è possibile leggere artisticamente l’individualità che vi si cela, e nel presente offuscata dalla sofferenza, e intravedere nello svolgersi temporale del percorso arteterapeutico l’Io risanatore che attende di essere disvelato.

Una nuova professione in costante crescita, riconosciuta da enti nazionali ed europei che ti permetterà di collaborare anche con figure professionali di alto profilo, quali medici, psicoterapeuti e pedagogisti.

L’esperienza intima e vivente dell’Essenza dei colori di Rudolf Steiner è il sostrato sul quale si attiva il Metodo Stella Maris, che nasce dalla fruttuosa collaborazione pluriennale tra l’arteterapeuta Carla Borri e il medico Angelo Antonio Fierro; ne ha impresse le caratteristiche di un incontro tra scientificità rigorosa e creatività vivificante che pone al centro la tutela dell’Essere umano.

Il Metodo Stella Maris è un percorso scandito in fasi ben orchestrate che si accordano ai processi vitali per accompagnare il cliente nella sua trasformazione.

L’apertura di tale percorso prevede quattro esercizi fondamentali più uno libero che servono a condurre l’indagine osservativa preliminare per crearsi l’immagine orientativa dell’uomo. Sono questi esercizi di disciplina che richiamano i gesti archetipici dei colori che Rudolf Steiner chiama Splendore.

 

Colui che dipinge si mostra così nella sua libertà di essere in grado o meno di poter seguire le indicazioni ricevute; da questo nasce la possibilità di cogliere le problematiche individuali in atto, ossia gli squilibri che sono alle origini della sua difficoltà.

Tutto questo viene reso oggettivo e oggettivabile attraverso un metodo di lettura degli elaborati che segue di pari passo il processo creativo del cliente e si basa su criteri che affondano il senso nelle leggi dell’Arte, non sconfinando nell’ambito psicologico né interpretativo.

Esistono vari campi professionali per Arteterapeuti del Colore:


in scuole e asili, in pedagogia curativa e terapia sociale, in cliniche, sanatori e centri di riabilitazione, in penitenziari, in trattamenti per dipendenze, in prevenzione e promozione sanitaria, in interventi di emergenza, nel lavoro con profughi e in studi medici.

Il percorso TRIENNALE è rivolto a chi desidera lavorare specificamente in ambito educativo, preventivo e assistenziale con gruppi (bambini o adulti). Riconoscimento SIAF (associazione di categoria professionale) secondo la legge n.4/2013

 

Il percorso QUADRIENNALE è rivolto a persone che intendono avvalersi dell’Arteterapia del Colore come rimedio in ambito educativo, preventivo, assistenziale, sanitario e riabilitativo con persone singole (arteterapia individuale con bambini e adulti) e gruppi; Riconoscimento SIAF + iARTe (Sezione di medicina, Dornach) e S.I.M.A. (Società Italiana di Medicina Antroposofica).

 

 

 

IL METODO STELLA MARIS

Clicca qui per  conoscere i contenuti principali  per i 4 anni

il calendario delle lezioni per il 2024/2025 è in fase di definizione
 
Clicca qui per  i  dettagli dei costi annuali del percorso di formazione 
e  modalità di pagamento


clicca qui per conoscere il calendario delle lezioni per il 2024/2025 

DOCENTI

STRUTTURA DEI SEMINARI

10 Weekend all’anno tra Settembre e Giugno

4 giorni «settimana intensiva» Giovedì – Domenica.

Esperienza sul campo (lavoro pratico/tirocinio)

lavoro di studio individuale e tesine di approfondimento

Approfondimenti bimensili online.

La scuola è composta da numerosi docenti di alto livello esperti nella loro materia di insegnamento...

...e da un Collegio dei Responsabili.

Inoltre, le lezioni di anatomia, fisiologia, antropologia, psicologia e patologia.

Si svolgeranno in maniera interdisciplinare con altre due Formazioni:

Quella in Arteterapia della forma Plastica e in Disegno di Forme.

Ci saranno anche momenti di confronto teorico pratico

Sui temi trattati tra le tre formazioni.

La Formazione in Arteterapia del Colore inizierà a settembre 2024
Il prossimo ciclo ripartirà a Settembre 2026

 Carla Borri

Responsabile Ente Formativo Stella Maris

Dott. Angelo Antonio Fierro

Responsabile Scientifico-Medico 

Marinella Collina (formazione 1)

Responsabile Artistico-Terapeutico

carla borri (formazione 2)

Responsabile Artistico-Terapeutico

 Marinella Collina, Rossana Pane (formazione 1)

Il collegio dei docenti responsabili

carla borri, silvia pollastri (formazione 2)

Il collegio dei docenti responsabili

Colloquio di ammissione

Per informazioni inviare un messaggio whatsapp al 333 3438826
(inserendo il nome ed il numero telefonico)
Verrete presto ricontattati tramite sms o whatsapp per
fissare un appuntamento telefonico o in presenza

con una delle responsabili della formazione.

 

Corso a numero chiuso

il numero dei posti disponibili è limitato

Scarica il regolamento: Arteterapia del colore 

bottom of page