Regolamento e tappe del percorso di formazione

regolamento-della-Scuola-Stella-Maris

1) Premessa

Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Culturale Stella Maris, titolare della gestione dell'omonimo ente di formazione in arteterapia come da art.3 dellop1020487_regolamento-testo 
Statuto, ha nominato quale responsabile dell'ente di formazione a tempo indeterminato la signora Carla Borri. La tenuta del programma verrà regolata e gestita da un Collegio dei Responsabili. Tale Collegio seguirà le norme stabilite dallo Statuto dell'Associazione. Il Collegio quindi, quale responsabile della formazione, dovrà decidere in merito all'ammissione o allontanamento dei candidati come pure alla scelta dei nuovi insegnanti.

2) Formazione del collegio dei responsabili

Carla Borri ha avuto facoltà di nominare i membri del Collegio dei Responsabili della scuola attualmente formato da : Borri Carla, Dr. Fierro Angelo Antonio, Dr.ssa Di Meglio Vincenza, Gasparini Claudia, Bellucci Tiziano, Bergianti Maria Luisa, Collina Marinella Il Collegio si riserva:
la scelta di ulteriori docenti e la sostituzione degli stessi per gravi motivazioni;
l'eventuale scelta di altri responsabili negli anni a venire. Il ruolo dei responsabili decade qualora cessi la collaborazione con l'ente di formazione.

3) Modalità d'ammissione

Scopo principale dell'ente di formazione è quello di preparare adeguatamente persone che aspirino a diventare “Arteterapeuta a indirizzo antroposofico secondo il metodo Stella Maris” e a conseguire il certificato dell'EA (European Academy for Anthroposophical Art Therapies), intenzionati a esercitare la professione di arteterapeuta applicata alla pittura. L'ente di formazione è anche aperta a chi più semplicemente desideri accostarsi ai contenuti antroposofici per un interesse personale e può essere esonerato dai compiti richiesti: in tal caso riceverà solo un attestato di frequenza.
L'interessato che vuole essere ammesso alla frequentazione:

  • non deve avere età inferiore ai 24 anni ed essere in possesso di un titolo di studio secondario superiore, salvo eccezioni validate dal Collegio dei Responsabili
  • deve partecipare alla presentazione pubblica del corso di formazione per arteterapeuta durante la quale è prevista una prova pratica di pittura ad acquarello, o aver partecipato almeno una volta come uditore ad una lezione dove si sono svolti esercizi del metodo Stella Maris, salvo eccezioni validate dal Collegio dei Responsabili
  • deve tenere un colloquio individuale con la Responsabile o docente da lei nominato, recando con sé una fototessera.

4) Modalità d'iscrizione

  • sottoscrizione e compilazione della modulistica e del regolamento scolastico
  • iscrizione a socio dell’associazione
  • fotocopia di un documento di riconoscimento
  • fotocopia del codice fiscale
  • corresponsione del versamento della quota d’iscrizione
  • 3 foto tessera

L'ente di formazione non prevede per ora il numero chiuso. Essa accoglierà tanti partecipanti quanti il Collegio dei Responsabili riterrà di poter preparare in maniera adeguata. L’interessato che per ragioni di varia natura, non potrà partecipare a tempo pieno ai corsi, potrà essere ammesso come "Uditore" per un massimo di tre incontri nell'arco dell'anno. Tutti gli allievi sono chiamati, in conclusione di seminario, al riordino e pulizia della sala, attività considerata educativa sia dal punto di vista formativo per la preparazione del setting, sia come capacità di integrazione nel gruppo.

5) Tappe del precorso artistico e arteterapeutico

5/A ) Piano di studio

Il percorso formativo quadriennale si compone di un primo biennio a carattere artistico e di un secondo biennio a carattere arteterapeutico. Al termine del 1° anno, entro fine Agosto, occorre aver espletato i compiti assegnati.

Al termine del primo biennio, di formazione, che si conclude a fine Agosto, viene rilasciato un attestato di formazione artistica abilitante la conduzione di corsi artistici, purchè siano rispettate le seguenti condizioni :

  • aver presentato la documentazione fotografica di 250 esercizi pittorici del metodo esercitati a casa
  • aver presentato gli esercizi (minimo n.25) assegnati dal responsabile, per un percorso personale
  • aver stilato gli elaborati richiesti nel biennio
  • aver frequentato almeno il 90% del monte ore
  • aver consegnato un elaborato rilegato (quaderno degli esercizi) dell'esperienza pittorica degli esercizi svolti a tutto il 2° anno, secondo l'essenza dei colori di R. Steiner. Chi prosegue deve essere in pari con i punti1/2/3/4 entro fine Maggio; il quaderno degli esercizi va presentato solo come bozza.

Al secondo biennio, a carattere arteterapeutico, si può accedere se si sono espletate 5 le condizioni sopracitate. Chi proviene da altra formazione arteterapeutica antroposofica, ed è interessato a specializzarsi secondo il metodo Stella Maris, dovrà fare richiesta al Collegio dei Responsabili. Il Collegio dei Responsabili si riserva di inserire gli allievi di altre formazioni antroposofiche a seconda del curriculum di studi presentato recuperando gli esercizi del metodo svolti nel primo biennio nella modalità che il Collegio troverà più idonea . Il secondo biennio si conclude con la discussione dell'elaborato finale e consegna in 3 copie della stessa (2 in cartaceo, 1 su CD-ROM) e una copia del quaderno del metodo.
E’ necessario prima della presentazione del titolo di tesi avere:

  • frequentato i seminari con una presenza di almeno il 90% alle lezioni
  • presentato ulteriori 50 esercizi di pittura del metodo (tot.300)
  • presentato gli ulteriori esercizi di percorso personale (minimo n.25) e consegnato in segreteria le foto nei termini richiesti (totale 350)
  • consegnato tutti gli elaborati richiesti
  • presentato il quaderno del Metodo Stella Maris (costituisce il completamento del quaderno degli esercizi pittorici) e può essere scritto sia a mano che con PC.
  • effettuate le ore di tirocinio previste, nelle sedi convenzionate e/o riconosciute, e consegnate le relative relazioni.
  • presentato, 6 mesi prima della discussione, il titolo dell'elaborato finale via e-mail e richiesto l'accettazione da parte dei tutor relatori.
  • consegnata ai relatori la bozza definitiva dell'elaborato finale via e-mail almeno un mese prima della discussione; si consiglia di anticipare i capitoli man mano che vengono scritti

Con la presentazione dell'elaborato finale viene rilasciato dall'ente di formazione Stella Maris l'Attestato di discussione dell'elaborato finale, rilasciante titolo di “Arteterapeuta a indirizzo antroposofico secondo il metodo Stella Maris” che abilita alla conduzione di incontri sia artistici che igienico-terapeutici o sedute di arteterapia individuali in collaborazione con medici e psicoterapeuti.

5/B) Colloqui

Nel 1° biennio sono previsti tre colloqui didattici obbligatori nel 2° biennio due. Il programma dei quattro anni potrà subire variazioni. Per esigenze organizzative, alcuni insegnamenti potranno essere svolti in anni successivi ed in luoghi diversi da quello indicato. La bibliografia verrà indicata nel corso dell'anno formativo.

5/C ) Tirocinio

p1020520_regolamento-testoLa scuola si attiva e garantisce le ore di tirocinio richiesto dal piano di studi. Il tirocinio si struttura in due fasi: la prima fase nel corso del 3° anno con tirocini passivi di osservazione, la seconda fase nel 4° anno con tirocini attivi pratici. La prima fase deve precedere la seconda. Il monte ore richiesto è di 500 ore totali (di cui il 50% di tirocinio passivo ed il 50% di tirocinio attivo), comprensive dell'organizzazione e svolgimento del tirocinio, delle supervisioni e della stesura delle relazioni. Le ore si intendono di 45 minuti l'una. I tirocini attivi prevedono una supervisione iniziale, con presentazione del progetto, ed una supervisione finale in cui devono essere presentati gli elaborati pittorici e la relazione. Nei tirocini artistici, le supervisioni su svolgono in classe; per i tirocini a carattere o igienico-terapeutico o arteterapeutico-individuali, la supervisione deve essere fatta anche con il medico nelle giornate stabilite in calendario. Si può iniziare il tirocinio al termine del primo biennio purché siano state rispettate ed espletate tutte le condizioni del punto 5/A. La consegna della relazione relativa ai pazienti osservati durante il tirocinio deve avvenire entro due mesi dalla fine dello stesso, altrimenti il tirocinio non sarà ritenuto valido.

5/D ) Elaborato finale

Premessa:

Possono presentare il titolo dell'elaborato finale solo coloro che sono in pari con i compiti assegnati e gli esercizi pittorici visionati e fotografati (n.300 + 50 esercizi del percorso personale). E’ possibile portare come tema dell'elaborato finale il lavoro nato da un’intima e concreta esperienza artistico-figurativa sul “Metodo Stella Maris” (fondato da Carla Borri e Dr. Angelo Antonio Fierro , sulla base di esercizi pittorici secondo “L’essenza dei colori” di Rudolf Steiner.) Per intimo e concreto viene inteso tutto quanto porti a consolidamento nel futuro “arteterapeuta del colore” la pratica e metodica artistico-terapeutica in tutti i suoi aspetti. Resta sottinteso che la conoscenza della pratica pittorico- terapeutica rimane punto di riferimento irrinunciabile, mentre altre esperienze artistico-figurative hanno valore d’integrazione o ampliamento della prima e mai sostitutiva di questa, perno fondante di tutto il lavoro. Nel corso dell’anno scolastico verrà comunicata agli allievi la data utile per depositare il titolo dell'elaborato finale. Si richiede di fare domanda di approvazione del titolo dell'elaborato finale e dei relatori (un medico e un arteterapeuta) almeno 6 mesi prima della discussione. Il Collegio si riserva di accoglierla e fornire ulteriori indicazioni; la bozza dell'elaborato va presentata a partire dalla stesura del piano complessivo dello stesso (il futuro “indice”) in occasione dell'unico incontro con i 2 relatori; nel seguito lo studente invierà di volta in volta la bozza dei capitoli con le pagine numerate, che i tutor si impegnano a revisionare dando ulteriori suggerimenti. La bozza va presentata ai relatori per essere convalidata almeno un mese prima della discussione.

Come si presenta l'elaborato finale

Deve essere scritto al computer. La prima parte deve introdurre l’argomento. La parte principale deve descrivere, sulla base di ciò che si è appreso, la ricerca che verrà elaborata in modo autonomo e verificata con la pratica clinica . L’ultima parte è la conclusione. Occorre specificare quali risultati il percorso ha dato con il cliente. Inoltre descrivere come il tema d’indagine abbia contribuito ad una maggiore comprensione dell'arteterapia del colore. La lunghezza dell'elaborato deve essere di 70 max. 90 pagine. Il giorno di discussione vanno presentate 3 copie (2 cartaceo, 1 su CD-ROM) 1 per il relatore, 1 per l’immatricolazione S.I.A.F. e 1 per Stella Maris.

Discussione

La discussione degli elaborati finali si svolgerà in due sessioni : autunnale nel 4° anno, e primaverile con iscrizione all'anno di recupero alle condizioni di avere espletato tutte le richieste del punto 5/C. Ogni sessione prevederà un numero minimo di due allievi e un numero massimo di sei al giorno.

Esame S.I.A.F. e Attestato dell'ente di formazione Stella Maris

Poiché l'ente di formazione è iscritto alla S.I.A.F. (Società Italiana Armonizzatori Familiari) con n. di concessione SC 101/11 , sarà presente un suo Commissario che testerà la preparazione di tutti i candidati relativamente il “Codice Deontologico” e il “Consenso Informato” in concomitanza alla giornata di discussione degli elaborati finali della sessione autunnale qualora si raggiunga il numero di partecipanti necessario a sostenere i costi, qualora ciò non sia possibile l'esame verrà sostenuto in altro ente del circuito S.I.A.F. Coloro che non desiderano completare il percorso con l'immatricolazione S.I.A.F. riceveranno un attestato di frequenza, coloro invece che completeranno il percorso con l'esame sul codice deontologico ed il consenso informato riceveranno l'Attestato dell'ente di formazione con qualifica di “Arteterapeuta a indirizzo antroposofico secondo il metodo Stella Maris”. I costi dell'immatricolazione S.I.A.F., che da diritto all'eventuale iscrizione ai registri professionali, verranno comunicati in occasione della presentazione del titolo dell'elaborato finale.

5/E) Certificato internazionale dell'accademia europea (E.A.)

Per poter accedere al certificato internazionale dell’EA (European Academy for Anthroposophical Art Therapies) occorre presentare due casi clinici adeguatamente supervisionati entro due anni dalla discussione della propria dissertazione.

5/F) Sospensione del percorso formativo

Qualora insorga nell’allievo la necessità di sospendere l’adempimento scolastico per un certo periodo e procrastinare oltre i tempi previsti il compimento dell'intero percorso scolastico, il Collegio accoglierà la domanda ma si riserva di prevedere un ulteriore colloquio quando si manifesterà la volontà, da parte dello stesso, di riprendere l’impegno con l'ente di formazione per concluderne il percorso formativo. Da tale colloquio il Collegio si riserva di decidere cosa richiedere per poter ultimare il corso di studi ed accedere alla discussione dell'elaborato finale. Avrà valore prioritario e d’incidenza in merito alla valutazione, il percorso pregresso effettivamente svolto, la durata della sospensione e l’entità dell’allontanamento dai contenuti conoscitivi ed esperienziali acquisiti durante la frequenza.

Attività di recupero intermedia :

Può rendersi necessario , in accordo con l'allievo, una sospensione temporanea del percorso dopo il primo, secondo o il terzo anno. In questo caso si dovranno frequentare almeno 3 seminari (1 ogni 3 mesi) che possono essere anche quelli da recuperare (a costo agevolato ) nell'arco dell'anno scolastico, per non perdere il filo con la formazione e completare gli esercizi pittorici e gli elaborati mancanti iscrivendosi all'anno di recupero per poter proseguire il percorso formativo. Elaborati ed esercizi pittorici dovranno essere consegnati entro la fine del mese di Maggio dell'anno di recupero per potersi inserire nel percorso a Settembre.

Attività di recupero finale :

A completamento del percorso formativo quadriennale è previsto un anno aggiuntivo per coloro che non riescono a completare il percorso formativo sopra descritto entro i termini previsti. Per poter beneficiare di questo recupero occorre iscriversi sia all’Associazione Culturale Stella Maris, sia all’anno di “Attività di recupero a completamento del percorso formativo quadriennale”. Il costo viene comunicato al momento dell’iscrizione. E’ possibile recuperare le assenze frequentando i seminari ad un costo agevolato del 50% della quota uditori. Qualora l’allievo non presentasse la propria dissertazione entro il 5° anno è tenuto a rifrequentare il 4° anno.

6) Quota di partecipazione del corso

L'iscrizione al corso di formazione è annuale ed implica altresì l’iscrizione all’Associazione Culturale “Stella Maris”, con versamento della relativa quota associativa annuale comprensiva della polizza di assicurazione civile. Gli allievi del 3° e 4° anno intenzionati ad utilizzare Strutture pubbliche o private che richiedano una assicurazione infortuni per lo svolgimento del tirocinio, possono attivarla tramite l'Associazione ; il costo viene comunicato al momento della richiesta (attualmente è di 65 €).

7) Pagamenti

L'anno formativo inizia a settembre e termina a maggio / giugno di ogni anno. Chi si iscrive si impegna al pagamento di tutte le rate dell’anno in corso anche se per qualsiasi ragione non potesse o non volesse più partecipare ai corsi . Il pagamento va effettuato ratealmente con domiciliazione bancaria ½ SDD (SepaDirect Debit); i costi e le scadenze verranno comunicati al momento della domanda di ammissione all’anno di frequentazione. Il pagamento della singola rata dovrà avvenire improrogabilmente alle scadenze indicate. Su esplicita richiesta vengono accolte modalità diverse di pagamento. La quota di partecipazione per gli Uditori verrà comunicata al momento dell’ammissione. Durante il periodo dei quattro anni di corso la quota annua verrà aggiornata secondo il tasso d’inflazione ISTAT.

8) Riconoscimenti

L'ente di formazione è riconosciuto dalla S.I.M.A.(Società Italiana di Medicina Antroposofica) e rilascia un Attestato in “Arteterapia del colore ad indirizzo antroposofico secondo il metodo Stella Maris”. È membro dell'EA (European Academy for Anthroposophical Art Therapies) che rilascia l'International Certification Anthroposophic Art Therapies alle condizioni indicate nel punto 5/e

8/a) Accreditamento S.I.A.F. dell'ente di formazione

L'ente di formazione, a sua volta, ha ottenuto dalla S.I.A.F.(Società Italiana Armonizzatori Familiari) l’accreditamento con numero di concessione SC 101/11 dando così l'opportunità agli allievi che hanno concluso il percorso di accreditarsi come “Arteterapeuti del colore a indirizzo antroposofico secondo il Metodo Stella Maris”. La Direttrice dell'ente di formazione Stella Maris, Carla Borri, è stata accreditata dalla S.I.A.F. come Counselor Trainer (cod. cert. ER144 T - CG) e come AUDIT (cod. cert. DP 048) L'ente di formazione segue con attenzione gli sviluppi della questione circa il riconoscimento della figura professionale dell’arte-terapeuta in ambito nazionale e si impegna a tenere informati i frequentatori del corso degli eventuali sviluppi in materia.

9) Rapporti fra gli organi dell'ente di formazione

L'ente di formazione garantirà nelle più ampie forme ogni comunicazione ed informazione tra le varie componenti. Lo scambio di comunicazioni e informazioni con gli studenti sarà perseguito attivamente e potranno sempre richiedere un incontro col Consiglio Direttivo dell’Associazione Stella Maris e/o col Collegio dei Responsabili. A loro volta il Consiglio Direttivo dell’Associazione Stella Maris e/o il Collegio dei Responsabili potranno promuovere incontri di consultazione e informazione con gli studenti.

10) Donazioni – Borse di studio

L' Associazione Stella Maris è attualmente in grado di reperire fondi da destinare alla creazione di una sola borsa di studio dell'entità di 1000 € all'anno a coloro che ne abbiano fatto motivata richiesta, quale sostegno per le spese necessarie alla formazione. Tali borse di studio saranno concesse unicamente a studenti meritevoli.

11) Foro competente

Per ogni eventuale controversia le parti accettano la competenza del foro di Bologna che individuano come foro esclusivo.